Bruco processionario: irritazioni con peli urticanti Cosa fare? – Salute e benessere

I peli del bruco processionale causano una reazione pungente o bruciante, un’eruzione cutanea dolorosa con forte prurito. Spesso è necessario un intervento medico. I peli urticanti possono persistere per anni dopo la scomparsa del bruco, come trattarli in modo efficace?

Cosa posso fare in caso di irritazione da peli urticanti delle processionarie? Quali sono i possibili sintomi dopo il contatto con bruchi pungenti? Come trattare? Dipende dal tipo di contatto, se con la pelle, gli occhi, le vie respiratorie o per ingestione, sono necessarie precauzioni, vi diciamo tutto sui trattamenti in caso di contatto con le processionarie.

In caso di dubbio o gravità chiama subito il centro antiveleni più vicino a te, (clicca sul link)

Centro antiveleni

Sintomi e trattamenti della puntura

Una persona che ha contatti ripetuti con la processionaria ha reazioni che peggiorano ad ogni nuovo contatto. Nei casi più gravi, potrebbe esserci a shock anafilattico pericoloso per la vita (orticaria, sudorazione, gonfiore alla bocca e alla gola, difficoltà respiratorie, pressione sanguigna bassa e stato di incoscienza).

Il primo soccorso dipende dal tipo di contatto e dalla gravità dei sintomi.

Contatto con la pelle

Comparsa entro otto ore da un’eruzione cutanea dolorosa con forte prurito. La reazione è sulle parti esposte della pelle ma può comparire anche su altre parti del corpo. I peli urticanti si disperdono facilmente con il sudore, i graffi e lo sfregamento o attraverso gli indumenti.

Leggi anche: Calma il prurito associato alle ortiche

Come trattare?

  • Togliere tutti gli indumenti e maneggiare con i guanti. I vestiti verranno lavati alla massima temperatura possibile e asciugati in asciugatrice.
  • Lavare la pelle con abbondante acqua e sapone.
  • Possiamo eventualmente usare della carta adesiva per raccogliere i peli urticanti dalla pelle, un po’ come la depilazione.
  • Spazzolare accuratamente i capelli se necessario.

Gli antistaminici possono alleviare il prurito. Consultare un medico in caso di grave eruzione cutanea.

AVVERTIMENTO : Le persone che, oltre ai segni locali, presentano sintomi generali come malessere, vertigini, vomito, devono essere indirizzate in ospedale.

Leggi anche: Come controllare i bruchi processionari

Contatto visivo

Sviluppo dopo 1-4 ore di congiuntivite (occhi rossi, doloranti e lacrimosi). Quando un pelo pungente affonda in profondità nei tessuti oculari, compaiono gravi reazioni infiammatorie con, in rari casi, progressione alla cecità.

Come trattare?

  • Gli occhi devono essere risciacquati, preferibilmente da un oftalmologo dopo l’applicazione di una soluzione di anestetico locale.
  • Dopo il risciacquo, un’attenta visita oculistica escluderà la presenza di peli urticanti residui.
  • I peli incorporati in profondità nei tessuti dell’occhio devono essere rimossi chirurgicamente.

Contatto per inalazione

I peli urticanti irritano le vie aeree. Questa irritazione si manifesta con starnuti, mal di gola, difficoltà a deglutire e possibilmente difficoltà respiratorie dovute al broncospasmo (restringimento dei bronchi come nell’asma).

  • La valutazione dei sintomi respiratori viene effettuata da un medico. Questo dà un trattamento adattato ai sintomi. Il trattamento comprende antistaminici e/o corticosteroidi e aerosol o nebulizzazioni.

Contatto per importazione

L’infiammazione delle mucose della bocca e dell’intestino si verifica con sintomi come ipersalivazione, vomito e dolore addominale.

Come trattare?

  • Diluire la quantità di capelli ingerita bevendo un bicchiere d’acqua abbondante.
  • Puoi provare a rimuovere i peli dalla mucosa della bocca raschiandoli accuratamente con una spatola o un impacco o “pizzicandoli” con carta adesiva.

Spesso è necessaria un’endoscopia in anestesia generale per estrarre i peli urticanti profondamente ancorati alle mucose della bocca, della gola o dell’esofago.

I peli dei bruchi processionali hanno piccoli uncini.  Sono molto pungenti e pericolosi!
I peli dei bruchi processionali hanno piccoli uncini. Sono molto pungenti e pericolosi!

Tossicità

I peli urticanti dei bruchi processionali hanno piccoli uncini. Terminano a punta e hanno piccoli ganci alle estremità. Si staccano facilmente dalla pista durante il contatto o sotto l’effetto del vento, anche i camminatori e i ciclisti possono risentirne. I peli sono lunghi da 0,2 a 0,3 millimetri. Tuttavia, ogni bruco ha centinaia di migliaia di peli.

Per la loro particolare struttura, questi peli aderiscono facilmente ai tessuti (pelle e membrane mucose) provocando una reazione orticarioide mediante rilascio di istamina (una sostanza rilasciata anche nelle reazioni allergiche).

I peli rimangono presenti, anche dopo che i bruchi se ne sono andati, perché restano presenti anche i nidi. Dopo anni, questi nidi possono ancora causare problemi.

Gli animali (ad es. i cani) possono soffrire dei peli urticanti dei bruchi.

Rischio

La maggior parte dei sintomi è fastidiosa e può essere trattata sintomaticamente. In caso di vomito, vertigini e febbre, si consiglia di recarsi in ospedale.

Le persone che spesso entrano in contatto con i bruchi processionari hanno sintomi sempre più gravi. Nei casi più gravi, lo shock anafilattico può essere pericoloso per la vita.

Prevenzione

Le persone precedentemente colpite dalla processionaria devono evitare ogni nuovo contatto, sono da temere reazioni sempre più gravi. Ciò è particolarmente importante per le persone che, di professione, visitano regolarmente luoghi infestati. Lo sgombero può essere effettuato indossando indumenti protettivi: guanti e stivali di gomma, tuta protettiva impermeabile, maschera e occhiali antipolvere.

  • I peli urticanti vengono facilmente dispersi dal vento. Nelle regioni in cui sono prevalenti i bruchi, si raccomandano alcune precauzioni:
  • Non asciugare i vestiti all’aperto da maggio a settembre.
  • Lavare accuratamente le verdure dell’orto.
  • Innaffia il prato per alcuni giorni prima di falciare in modo che i peli urticanti vengano attirati nel terreno.
  • Non lasciare che i bambini giochino vicino a un albero colpito. Da lontano, fornisci loro vestiti a maniche lunghe, pantaloni, un cappello ed eventualmente occhiali.

Leave a Reply

Your email address will not be published.