Come evitare il mal di schiena nei lunghi viaggi in macchina

Come evitare il mal di schiena nei lunghi viaggi in macchina

Le vacanze stanno arrivando e dovrai pedalare a lungo in posizione seduta. Non aiuterà il tuo mal di schiena cronico. Ecco quindi alcuni accorgimenti da sapere per evitare di soffrire inutilmente.

Nei lunghi viaggi ti piace sederti al volante con le gambe distese? Il cuscino del sedile è troppo basso? Le tue ginocchia sono sopra i fianchi? Non abbiamo buone notizie per te.

La maggior parte degli adulti (circa l’80%) lamenta dolore alla schiena e alla colonna vertebrale. Il fatto che passiamo sempre più tempo al volante è uno dei motivi della lombalgia. Le malattie possono manifestarsi non solo durante i lunghi viaggi di diverse ore tra i camionisti professionisti, ma anche tra gli automobilisti che scelgono di viaggiare in auto e tra coloro che si recano al lavoro tutti i giorni, anche su brevi distanze. Pertanto, vale la pena, in prevenzione, sapere come evitare il dolore nella zona della schiena.

mal di schiena legato alla guida

Perché mi fa male la schiena quando guido per molto tempo?

Da seduti, la colonna vertebrale si trova in uno stato di carico statico, il cui effetto è esacerbato dalle vibrazioni e dall’immobilità del veicolo, ancor di più durante i lunghi periodi di guida. La distribuzione delle forze che stabilizzano la schiena cambia e il carico sollecita gli elementi stabilizzatori passivi – come i legamenti, i tendini e le articolazioni…

Queste strutture estremamente sensibili possono portare a forti dolori alla zona lombare e al collo in condizioni avverse. Per evitare ciò, soprattutto nei lunghi viaggi turistici, è necessario pianificare bene il viaggio.

Non stiamo parlando di malattie degli organi interni che potrebbero causare mal di schiena, questo è un argomento a parte. Le cause più comuni di dolore sono associate al rachide cervicale e alla parte bassa della schiena.

Le cause principali

  • Una posizione seduta innaturale, soprattutto quella con il corpo proteso verso il volante e le gambe tese verso i pedali. Questo crea una pressione eccessiva sui dischi intervertebrali e tensione nel collo. Questo fenomeno è aggravato dalla guida su strade sconnesse e/o sconnesse.
  • Non esiste una posizione di guida ideale per tutti. Può capitare che il guidatore regoli il sedile alle sue esigenze e si sieda correttamente, ma non è ancora a suo agio. La ragione di ciò è il sedile stesso (cuscino troppo corto, cattivo profilo dello schienale). Stare seduti a lungo su una sedia in cui la schiena non è completamente supportata può causare dolore e rigidità nella zona della schiena e del collo.

I muscoli della schiena sono tra i più deboli e sono la fonte più comune di disagio. La sedentarietà raddoppia il carico sulla colonna vertebrale e porta a tutti i tipi di deformità del disco spinale.

I giovani hanno maggiori probabilità di soffrire di mal di schiena causato da muscoli o legamenti danneggiati o da un’ernia del disco. Gli anziani soffrono del progressivo assottigliamento del disco intervertebrale e dell’instabilità dei segmenti motorio-vertebrali dovuta a processi degenerativi, la lombalgia non è lontana.

La causa determina la natura del dolore : nel caso di un’ernia intervertebrale, ad esempio, la pressione esercitata sui nervi provoca dolore dal piede alla parte bassa della schiena. Se c’è uno spasmo, il dolore si diffonde sopra la parte bassa della schiena.

stanchezza in macchina: attenzione

Perché dovresti evitare di guidare con il mal di schiena?

Guidare con dolore è un grosso problema. La tua capacità di reazione è diminuita, la tua concentrazione sta venendo meno e la tua percezione della strada è alterata. In alcuni casi, la sindrome del dolore può portare allo svenimento. Non automedicare: è necessario conoscere i problemi e le controindicazioni di qualsiasi trattamento.

Considerati fuori dai guai se hai sviluppato dolore ai nervi o lombalgia temporanea a causa di una guida prolungata e costante. Puoi sbarazzarti di questo problema in modo relativamente semplice sottoponendoti a trattamenti di fisioterapia. Gli spasmi muscolari vengono solitamente trattati con miorilassanti, farmaci che rilassano i muscoli.

La situazione è peggiore se si sono sviluppate osteocondrosi o altre malattie croniche della colonna vertebrale. L’osteocondrosi è un disturbo nella struttura dei tessuti vertebrali e dei dischi intervertebrali, che porta a una diminuzione della loro elasticità e a un cambiamento nella loro forma.

Trattamenti efficaci includono massaggi, fisioterapia, nuoto e fisioterapia. Bisogna stare molto attenti a qualsiasi forma di terapia manuale privata, poiché i guaritori autodidatti possono causare danni irreparabili alla salute del paziente!

L’osteocondrosi è accompagnata da una sindrome del dolore, che di solito viene alleviata da farmaci antinfiammatori non steroidei: gel, unguenti o compresse.

È molto importante ricordare le restrizioni relative alla guida sotto l’effetto di determinati farmaci. Potresti essere in grado di affrontare il mal di schiena, ma a costo della tua patente.

Prima di assumere qualsiasi compressa, consulti il ​​medico se sono compatibili con la guida e quali potrebbero essere gli effetti collaterali.

Seggiolini auto adatti alla guida
Seggiolini auto adatti alla guida

Cosa fare per evitare il mal di schiena durante la guida?

Limita la guida a poche ore al giorno. Si possono dedicare alla “guida” un massimo di 10 ore al giorno. E questo, a condizione che ti riposi periodicamente facendo pause regolari. L’ideale è fermarsi mezz’ora ogni due ore di guida. Durante la sosta ricordati di scendere dall’auto e fare un po’ di esercizio. O puoi almeno fare una piccola passeggiata.

Se hai la possibilità di scegliere un posto al momento dell’acquisto dell’auto, paga un extra per i sedili ortopedici o per i sedili “sportivi”. Dovresti almeno pianificare supporto lombareche può essere fatto posizionando un piccolo cuscino sotto lo schienale.

È meglio spendere un po’ di soldi e acquistare uno speciale supporto lombare per i seggiolini auto, per fortuna ce ne sono di economici. Questo semplice accorgimento permette alla zona lombare di rimanere appoggiata al sedile rispettando la naturale curvatura della colonna vertebrale e attenuando gli effetti delle vibrazioni e dei sobbalzi da contatto con la strada.

Leave a Reply

Your email address will not be published.