Coronavirus: come realizzare una maschera protettiva efficace

Coronavirus: come realizzare una maschera protettiva efficace

Per settimane, i media hanno segnalato una carenza di forniture mediche, comprese le mascherine. Oggi gli ospedali aspettano con impazienza forniture al punto che alcuni hanno deciso di realizzare le proprie mascherine con forniture a cui possono accedere, come cotone biologico, nastro biadesivo, un sacchetto per il sottovuoto e elastici.

Anche se gli studi lo dimostranopossono aiutare a impedire a una persona malata di trasmettere il COVID-19 a qualcun altronon ci sono prove reali che le maschere fatte in casa impediscano alle persone di essere esposte al coronavirus.

Ma per coloro che insistono nel crearne uno in qualsiasi modo possibile, i blogger di artigianato e cucito di tutto il mondo hanno trattato l’argomento con rilevanza. Abbiamo selezionato l’idea geniale di uno youtuber italiano che ha scelto il sacchetto dell’aspirapolvere come materiale principale ed è diabolicamente efficacevedi invece:

I ricercatori lo hanno scoperto le mascherine chirurgiche, realizzate con una carta speciale resistente e traspirante, sono risultate efficaci per circa l’89%. per impedire ai malati di trasmettere particelle di virus di 0,02 micron (o micrometri), che è cinque volte più piccolo del coronavirus. Le particelle da 1 micron, 10 volte più grandi del coronavirus, sono state filtrate al 97%.

Leggi anche: COVID-19; Le mascherine improvvisate funzionano?

Il sacco a vuoto era considerato il materiale domestico più vicino in termini di filtrazione con un tasso di protezione di quasi l’86% contro le particelle più piccole testate. Un canovaccio standard, con un tasso di quasi il 73%un T-shirt in misto cotone 70%.e una federa antimicrobica, con un tasso del 68%è il meno efficiente prima del mascherina in carta per uso domestico che fatica a filtrare il 20%.

Hanno anche testato come raddoppiare la quantità di tessuto potrebbe aiutare. Nel caso degli strofinacci, due strati hanno mostrato un notevole aumento della velocità di filtrazione – un salto del 14% per particelle da 1 micron – sebbene non si possa dire che le federe in cotone abbiano lo stesso livello di maggiori benefici.

Tuttavia, i ricercatori di Cambridge hanno scelto federe e t-shirt come opzione preferita per la loro traspirabilità. Sebbene due strati di strofinacci possano essere formidabili contro molte microparticelle, hanno riscontrato che la struttura è più difficile da respirare del 138% rispetto a una tipica maschera chirurgica, mentre un doppio strato di federe era solo il 4% meno traspirante.

Mentre le maschere per uso medico hanno dimostrato, in media, di essere “tre volte più efficaci nel bloccare la trasmissione di microrganismi rispetto alle loro controparti fatte in casa, hanno anche concluso che le maschere improvvisate sono ancora meglio di niente.

Una maschera fatta in casa dovrebbe essere considerata solo come ultima risorsa per prevenire la trasmissione di goccioline da persone infette, ma sarebbe comunque meglio per te che nessuna protezione.

Crea una maschera con un sacchetto per aspirapolvere contro il coronavirus

Abbiamo scelto di mostrarvi questo tutorial molto semplice che utilizza un sacchetto per aspirapolvere per la massima protezione in termini di maschera fatta in casa.

Avrai bisogno :

  • Un sacco sottovuoto
  • Elastici piatti di design
  • Un potente paio di forbici, che possono tagliare la banda stagnata (vedrai perché più avanti)
  • Nastro biadesivo
  • Strisce di cotone biologico
  • Una macchina da cucire o un filo e un ago, ma ci vorrà più tempo per farlo

Come procedere :

  1. Scarica il modello in PDF e stampalo
    Modello di maschera per coronavirus Covid-19 – Taglia piccola

    Modello di maschera per coronavirus Covid-19 – Large Size
  2. Ritaglia i modelli sul foglio di carta e usali come modelli per tracciare le forme da tagliare sul sacchetto dell’aspirapolvere
  3. Ritaglia le 3 forme necessarie per realizzare la maschera
  4. Posiziona una delle due forme piccole su uno dei lati lunghi della forma grande e cucila sulla parte quadrata
  5. Fai lo stesso per l’altra forma sull’altro lato
  6. Quindi cuci una delle parti arrotondate, apri la maschera e cuci l’altra parte (infatti la forma grande deve essere la parte centrale della maschera, con le altre due sagome ai lati.
  7. Dopo aver tagliato due elastici della misura desiderata, cucirli ai lati
  8. Taglia una lattina di Coca Cola per estrarre una striscia di metallo delle dimensioni di una gomma da masticare hollywoodiana.
  9. Ripiegatela di circa 1 mm sui lati e schiacciate bene le estremità per eliminare lo spigolo vivo. Questo pezzo di metallo ti servirà per adattare la tua maschera alla forma del tuo naso.
  10. Attacca il nastro biadesivo su un lato e attacca una striscia di cotone biologico.
  11. Tutto quello che devi fare è attaccare questo pezzo sulla parte superiore della maschera all’altezza del naso. È finita.

Grazie al vlogger italiano del canale” Come dovrebbe essere » per questo fantastico tutorial

Ecco l’intero video qui

Modello di maschera in tessuto del CHU di Grenoble Alpes

NUOVO (20 marzo) : Il CHU Grenoble Alpes ha rilasciato un tutorial per realizzare una maschera protettiva in tessuto. Non chiede al personale di realizzare le proprie mascherine (leggi l’articolo). Il documento è contrassegnato dal logo CHU, non è un “falso”. È quasi identico a quello del Saint-Brieuc Hospital Center, ma in sole 2 pagine. Articolo su infirmier.fr. Scarica lo schema qui (su infirmier.fr).

Un modo semplice per riutilizzare una maschera

La semplice asciugatura con un asciugacapelli a 5 cm in aria molto calda (abbiamo una temperatura da 120° a 150°) può distruggere quasi tutti i virus e batteri in un minuto. Questo calore deve essere applicato anche su entrambi i lati e sugli elementi di fissaggio. Secondo un’ottima tesi di dottorato, il cui argomento è “Inattivazione virale da processi fisici: calore e raggi UV, di Swan Firquet, diretto dal Pr. Didier Hober, virologo a Lille nel 2014 (21), H1N1, più resistente di un coronavirus felino, viene distrutto in 1 secondo a 100°. Secondo il team di Duizer 2004, questo coronavirus si riduce di 1000 con caldo umido a 71°3 in 1 minuto. Sarebbe quasi completamente distrutto in 6 minuti. Quindi, come fintanto che la trama della maschera non viene alterata, può essere riutilizzata per la stessa persona con questa lavorazione, almeno in caso di carenza.

Ti è piaciuto questo tutorial? Sentiti libero di commentare e condividere con tutti i tuoi amici!

Leave a Reply

Your email address will not be published.