Ecco 7 ingredienti cosmetici da bandire assolutamente

Ecco 7 ingredienti cosmetici da bandire assolutamente

Se la tua pelle è fragile come quella di un bambino di tre anni, è costantemente segnata da arrossamenti e appare irritazioni per un sì o per un no, è un problema che stai affrontando un problema di pelle reattiva. In questo caso, alcuni prodotti per l’igiene o cosmetici sono semplicemente vietati. Vediamo quali…

sapone per pelli sensibili

Cos’è la pelle sensibile?

La pelle sensibile non è un tipo di pelle distinto come la pelle normale, secca, grassa o mista; è uno stato. Qualsiasi tipo di pelle può essere sensibile: pelle grassa che mostra sintomi di acne o pelle secca soggetta a dermatiti ed eczemi.

Ciò che la rende diversa è che reagisce in modo imprevedibile ai cosmetici, ai trattamenti del salone o alle cure extra. E se qualcosa va storto, il problema non passa mai inosservato: la pelle è irritata, presenta macchie rosse, desquamazione, eruzioni cutanee, reazioni acute, formicolio, senso di oppressione, dolore o prurito.

La prima cosa da fare nella cura della pelle sensibile è lenirla, con gli ingredienti giusti, poi idratarla, nutrirla, proteggerla e prevenire altri problemi. Per fare questo, devi capire esattamente cosa non gli si addice. Secondo i dermatologi, i fattori scatenanti possono essere qualsiasi cosa, ma quando si tratta di cure domiciliari, sono spesso cosmetici popolari.

pelle irritabile evitare il contatto con gli ingredienti

Evitare che questi ingredienti vengano a contatto con la pelle.

Cosmetici antietà a base di acidi

Il acidi AHA sono in cima alla lista degli ingredienti controindicati per le pelli sensibili. “Hanno un pH basso e irritano la pelle sensibile”, avverte la dermatologa Jeannette Graf, dermatologa.

l’acido glicolico, presente in molti prodotti antietà, ne è un esempio. Sebbene sia benefico per la pelle normale senza alcun segno di sensibilità, può essere dannoso per la pelle reattiva. Puoi anche stare attento con acido lattico, malico, citrico, tartarico e di mandorla, ma non dovresti aver paura dell’acido ialuronico. Nonostante sia considerato un acido, ha altre proprietà: idrata la pelle e rafforza la sua barriera protettiva.

Lo sapevate ?

Nei cosmetici, gli AHA sono spesso al secondo o terzo posto. Ciò significa che la loro concentrazione in un prodotto è di circa il 5-8%.

Creme e sieri al retinolo

Il retinoidi hanno dimostrato di combattere il deterioramento della carnagione, la comparsa di rughe e macchie senili e altri segni dell’invecchiamento cutaneo. Il retinolo è più frequentemente utilizzato nei prodotti di bellezza. Questa sostanza viene applicata regolarmente in modo che la pelle si abitui e smetta di reagire. Ma nel caso della pelle sensibile, può essere catastrofico.

Nella lotta contro l’invecchiamento della pelle, è necessario seguire strategie studiate appositamente per le pelli sensibili. Prima di tutto, idrata la pelle. La pelle idratata ha una barriera protettiva più elevata ed è in grado di resistere meglio alle aggressioni”, spiega Doris Day, professoressa di dermatologia. – E la pelle sana è meno sensibile.

Prova anche i cosmetici che contengono ingredienti dalle proprietà lenitive e idratanti come l’estratto di lavanda, il pantenolo, lo squalano, il selenio, le ceramidi e l’acqua termale.

Detergenti per la pelle che detergono in profondità la pelle

Quando ci si prende cura della pelle sensibile, non si tratta solo di sapere quali prodotti utilizzare, ma anche di come prendersene cura. Docce calde lunghe, lavaggio eccessivo delle mani ed esfoliazione eccessiva possono far diminuire la barriera protettiva della pelle e peggiorare la condizione.

Anche i detergenti a cui sei abituato svolgono un ruolo. Molti di questi prodotti contengono alcol, che secca la pelle, mentre altri contengono agenti antibatterici che uccidono la microflora benefica e dannosa.

“Utilizzare solo prodotti delicati e cremosi per detergere la pelle. E non dimenticare che più un prodotto fa schiuma, più asciuga la pelle”, avverte Doris Day. L’elenco degli irritanti comuni include sodio laurilsolfato (SLS), il sodio laureth solfato (SLES) e il ammonio lauril solfato (SLA). È meglio evitarne l’uso su pelli sensibili.

Sapere

Gli alcoli presenti nei cosmetici possono essere sia “buoni” che “cattivi”. I primi appartengono alla categoria degli alcoli grassi, ammorbidiscono la pelle ed è improbabile che causino irritazioni cutanee, mentre i secondi sono quasi sempre un problema.

In etichetta del prodotto sono indicati gli alcoli “buoni”: alcool cetilico, alcool stearilico, alcool cetearilico. I “cattivi” sono identificati da: alcool, alcool isopropilico, etanolo, alcool denaturato, glicole butilenico.

Oli essenziali

Molte donne usano con successo gli oli essenziali per mantenere la pelle sana e giovane. Ma gli oli essenziali possono danneggiare la pelle altrettanto. Di solito si tratta di prodotti molto concentrati e la pelle non è sempre preparata ai loro effetti. Inoltre, quasi tutti gli oli essenziali aumentano la fotosensibilità della pelle e possono causare gravi ustioni se esposti alla luce solare diretta.

L’uso di oli essenziali puri non dovrebbe mai essere consentito e le persone con pelle sensibile dovrebbero discuterne l’uso nei cosmetici o negli oli vettore con il proprio medico.

prodotti contenenti profumo

Prodotti profumati

L’insieme delle sostanze raggruppate dalla parola “profumo” comprende circa 3000 ingredienti chimici. La maggior parte di loro non sono ben studiati e il loro uso nei cosmetici non solo è inappropriato, ma può essere pericoloso.

Ciò non significa che dovresti evitare tutte le formulazioni di fragranze. Ma se possibile, acquista prodotti che dicono “senza profumo”.

Precauzioni

In uno studio del 2004 pubblicato su Dermatitis, le fragranze erano uno dei cinque allergeni più comuni nei patch test. Il 10,4% dei partecipanti allo studio ha manifestato dermatite allergica da contatto dopo aver utilizzato cosmetici contenenti profumo. E ilGruppo di lavoro ambientale ha dato alle composizioni di profumo un alto grado di rischio.

Cosmetici con filtro chimico SPF

Esistono due tipi di crema solare: filtri SPF chimici e filtri SPF fisici. Se hai la pelle sensibile, ti consigliamo di utilizzare solo filtri fisici: ossido di zinco o biossido di titanio. “Sono ben tollerati e sicuri per la pelle sensibile”, rassicura la dermatologa Jeannette Graf.

Cosmetici contenenti filtri chimici, compreso un noto ingrediente come ossibenzone, può causare irritazione e infiammazione della pelle. Tuttavia, quando si tratta di utilizzare una sostanza chimica o di evitare del tutto la protezione solare, è preferibile la prima. Irritando ulteriormente la pelle, il sole provoca danni e contribuisce allo sviluppo del cancro.

Riassumere…

Le persone con pelle sensibile o ultra sensibile dovrebbero prestare particolare attenzione alle cure che forniscono.

  • Scegli con cura i prodotti per la cura: è auspicabile che siano contrassegnati ipoallergenico e non contengono alcool, parabeni, acetone, olii essenziali o solfati. Si consiglia di utilizzare pantenolo, allantoina, ceramidi, bisabololo, aloe vera, liquirizia, tè verde o estratto di camomilla.
  • Per pelli sensibili e irritabili, utilizzare prodotti per la cura con ingredienti minimi. Inoltre, non dovrebbero contenere oli essenziali o estratti di piante esotiche. L’acqua termale, i trigliceridi e la protezione dai raggi UV sono l’ideale. Le creme da notte devono contenere vitamine A ed E, pantenolo e idrolizzati di oli vegetali.
  • Crema solare contenente antiossidanti è indispensabile per le pelli sensibili (da febbraio a settembre).
  • Il tuo detergente dovrebbe essere il più delicato possibile, privo di particelle abrasive e acidi. Anche se la tua pelle è grassa, dovresti optare per prodotti delicati. Detto questo, è importante detergere bene la pelle, poiché le impurità possono causare infiammazioni. Un’acqua micellare e un latte detergente delicato adatto, seguito da un getto di acqua termale.
  • Una crema densa o un olio senza profumo deve essere applicato prima del bagno e successivamente è possibile applicare il pantenolo.
  • Assicurati di scegliere creme e lozioni che aiutano a ripristinare l’equilibrio idrolipidico della pelle, che è una barriera protettiva che protegge la pelle dalle aggressioni esterne come vento o freddo. Dopo la doccia, basta strofinare la pelle senza strofinarla.
  • Maneggia la tua pelle con cura: assicurati di scegliere vestiti e scarpe che non ti irritino. Dare la preferenza ai tessuti naturali, cotone e lino, nella scelta dei tessuti per l’abbigliamento.
  • Per quanto riguarda i prodotti cosmetici, cosmetici a base minerale sono più adatti per questo tipo di pelle, poiché di solito non contengono più di cinque ingredienti, non causano irritazioni e contengono componenti per la protezione solare.
  • Se la tua pelle è soggetta a irritazioni e arrossamenti, dovresti rinunciare a procedure traumatiche, sia a casa che in un salone di bellezza. La pulizia del viso ad ultrasuoni e il peeling acido alle mandorle sono adatti per la detersione della pelle sensibile.

  • Risultati del patch-test del gruppo per la dermatite da contatto nordamericana, periodo di studio 2001-2002 / Pratt MD, Belsito DV, DeLeo VA, et al // Dermatite. – 2004
  • Allergia alla protezione solare: una rassegna di epidemiologia, caratteristiche cliniche e allergeni responsabili / Scheuer E., Warshaw E. // Dermatite. – 2006

Leave a Reply

Your email address will not be published.