Ecco perché non dovresti mai conservare la carne nella parte superiore del frigorifero

La carne è sempre stata un alimento molto popolare. Ma crudo, può rovinarsi rapidamente. Pertanto, è necessario conservarlo in frigorifero. Ma i pericoli si nascondono anche lì.

  • Non mettere la carne nel crisper.
  • Prestare attenzione alla temperatura del frigorifero.*
  • Separare rigorosamente la carne dai cibi crudi.

La carne si deteriora molto rapidamente, soprattutto se cruda. La conservazione corretta e sempre fresca è quindi la cosa più importante. Sono adatte temperature inferiori a +7 gradi Celsius, la migliore è un massimo di +4 gradi Celsius. Quando fa più caldo, i batteri si sentono bene, compresi quelli che causano infezioni di origine alimentare come la diarrea.

Leggi anche: Come pulire correttamente il frigorifero per eliminare i batteri

Dove conservare la carne in frigorifero?

Se non congeli la carne, conservala in frigorifero. Ma qual è il posto migliore per conservarlo e dove non si trova affatto? Fondamentalmente, la carne dovrebbe essere collocata nel luogo più freddo possibile. Nei frigoriferi più vecchi questa è la lastra di vetro sopra lo scomparto delle verdure, la maggior parte dei modelli moderni ha il proprio scomparto per i prodotti deperibili.

Niente carne nel croccante

La carne cruda non va mai messa nel crisper – anche se si trova nella parte posteriore del frigorifero, dove fa un po’ più freddo. La ragione : l’elevata umidità lo renderebbe cattivo molto rapidamente. I microbi, che si moltiplicano rapidamente nel cassetto caldo per frutta e verdura, forniscono idratazione.

Interessante : il kefir fa bene alla flora intestinale, ma potrebbe essere pericoloso in quantità troppo elevate.

In generale, agenti patogeni come Batteri E.coliil salmonella o il listeria nascondersi molto più frequentemente nei frigoriferi. Non dovresti sottovalutare il pericolo che ciò comporta, perché questi batteri sono potenzialmente mortali.

Leggi anche: Come cucinare la carne nel modo giusto

I germi sopravvivono anche a basse temperature

Molte persone credono erroneamente che la refrigerazione degli alimenti uccida i batteri. La temperatura più bassa fa sì che i batteri si moltiplichino più lentamente e il cibo duri più a lungo. A temperatura ambiente, questo può durare solo poche ore.

La maggior parte di noi non mantiene comunque il frigorifero abbastanza freddo. Idealmente dovresti usa un termometro da frigorifero e punta a una costante di quattro gradi Celsius o meno. non dimenticare di non lasciare mai la porta aperta per molto tempo per mantenerlo fresco.

Il nostro consiglio: non mettere mai cibi caldi nel frigorifero, anche questo aumenta temporaneamente la temperatura interna.

Molti frigoriferi sono troppo pieni

In questi giorni vengono conservati molti più articoli rispetto al passato. Le generazioni precedenti, ad esempio, mettono marmellate o ketchup negli armadi. A causa dell’alto contenuto di conservanti, era completamente sicuro. Nel frattempo, i produttori di alimenti si stanno attenendo alle nuove linee guida sanitarie. Riducono i conservanti nei loro prodotti. Quindi mettiamo sempre più cose in frigo. Risultato: il cibo è più stretto e il frigorifero si scalda.

Leggi anche: L’esperto rivela: per quanto tempo le tagliatelle cotte si conservano in frigorifero.

Perché più un frigorifero è pieno, meno il motore è in grado di raffreddarlo. Quindi una regola pratica importante è: se stai esaurendo lo spazio nel tuo frigorifero, assicurati di abbassare il termostato per compensare.

Tutto il necessario per cuocere bene la carne

Non mettere mai la carne sul ripiano più alto

Una delle principali cause di intossicazione alimentare è quella che viene chiamata contaminazione incrociata. Alcuni cibi hanno un effetto negativo su altri. Per esempio, quando il pollo crudo è contaminato da batteri Campylobacter e si siede in frigorifero su uno scaffale sopra un’insalata. Se la carne è vicina all’insalata, sorge il pericolo: mentre il pollo è poi ben cotto – che uccide i batteri – l’insalata contaminata viene poi consumata cruda.

Non sottovalutarlo: i batteri Campylobacter rappresentano il 30% di tutte le intossicazioni alimentari. I sintomi sono crampi addominali, febbre e diarrea.

Saperne di più : Un errore comune: perché non dovresti mai cucinare certe erbe.

Leave a Reply

Your email address will not be published.