[TUTO] Crea un tester del pH con cavolo rosso – Fatto in casa

Come realizzare un indicatore acido-base con cavolo rosso?

Gli indicatori di pH sono composti chimici che possono essere aggiunti a una soluzione per determinare se è acida o alcalina. L’indicatore cambia colore a seconda che venga aggiunto un acido o un alcali. Il colore del cavolo rosso (è un pigmento chiamato antocianina) è un ottimo indicatore. E scopriremo qui come usarlo per sapere se un alimento o un’altra sostanza è un acido o un alcali (base).

Acidi e alcali

Acidi e alcali si trovano in un numero sorprendente di luoghi. Alcuni sono commestibili e si trovano negli alimenti. Altri sono molto forti e possono essere dannosi, come l’acido che si trova nelle batterie delle auto e l’alcalino che si trova nei detergenti per forni.

Acidi e alcali sono due termini che si trovano spesso nella chimica acquatica. Gli acidi sono specie chimiche che presentano caratteristiche acide. Alcalino è un tipo base. Pertanto, le soluzioni alcaline mostrano proprietà di base. La principale differenza tra acido e alcalino è che il pH degli acidi è inferiore al pH 7 mentre il pH dell’alcalino è superiore al pH 7. L’acqua pura è neutra, il suo pH è 7, non è né alcalina.

Scala del pH

Ma torniamo alla nostra esperienza attraverso questo tutorial

  1. Per prima cosa, dobbiamo estrarre il colorante viola. Per fare questo, sminuzzeremo le foglie del nostro cavolo rosso e le taglieremo a pezzetti molto piccoli. Puoi anche tritare le foglie con un coltello affilato o un frullatore, oppure macinarle in un pestello e un mortaio.
  2. Mettiamo il cavolo cappuccio tritato in una caraffa, ci versiamo sopra dell’acqua calda e lo lasciamo per qualche minuto. L’acqua diventa di un intenso blu violaceo.
  3. Quindi usiamo un setaccio fine sopra un imbuto per scolare i pezzi di cavolo.

estrazione del succo di cavolo rosso

Usando una pipetta o una piccola siringa di plastica, prendi una piccola quantità di la nostra soluzione di indicatore di pH “in-house”. e versatela in un bicchiere di plastica.

Inizialmente, l’indicatore è viola. Questo perché l’acqua da sola non è acida o alcalina: diciamo che è neutra.

Quindi aggiungiamo un composto di prova diverso a ogni piccolo pozzo. Ad esempio, iniziamo testando l’aceto, che è debolmente acido, e il bicarbonato di sodio, che è una soluzione debolmente alcalina in acqua.

L’acido a trasforma l’indicatore in rosa e l’alcali lo rende blu.

Proviamo un disincrostante e un detergente per forno. (Fai attenzione con questi prodotti, poiché sono corrosivi o caustici, il che significa che possono bruciare se li metti sulla pelle.)

colori degli indicatori di pH

Il decalcificante ha acceso l’indicatore in rosso e il detergente per forno in verde. Il disincrostante contiene un acido forte chiamato acido cloridrico e il detergente per forno contiene a forte alcalino chiamato ammoniaca.

da leggere qui: Ammoniaca per cosa pulire ?

Quindi potremmo usare il nostro indicatore per distinguere tra acidi e alcali forti e deboli. Abbiamo anche testato la candeggina, che contiene un forte idrossido di sodio alcalino. L’idrossido di sodio nella candeggina prima è diventato verde pallido, ma poi (quando la candeggina ha sbiancato il colore dell’indicatore) è diventato giallo pallido!

Sostanze sperimentali

Ora che abbiamo testato queste sostanze, ecco alcune delle altre cose che puoi provare:

  • succo d’arancia
  • detersivo in polvere
  • crema detergente
  • sapone
  • succo di limone
  • crema detergente

Metti alcune gocce di ogni sostanza nelle tue coppette indicatrici e mescolale accuratamente, osserverai i cambiamenti di colore. Scoprirai che gli acidi rendono l’indicatore rosa o rosso e gli alcali lo rendono blu, verde o giallo a seconda della forza dell’alcali.

Prova a sperimentare con zucchero e sale. Nessuno dei due farà cambiare il colore dell’indicatore: non sono né acidi né alcalini. Lo zucchero e la soluzione salina sono neutri (come l’acqua).

Ecco un’immagine di tutti i bellissimi colori che il nostro indicatore di cavolo rosso ha ottenuto con tutte le nostre diverse soluzioni di test!

indicatore di colore arcobaleno

Per ulteriori…

Puoi fare questo esperimento a casa: trita circa un quarto di cavolo rosso e aggiungi circa 400 ml di acqua calda. Filtra il cavolo e metti un po’ del tuo succo di cavolo in vasetti di yogurt o in bicchieri di plastica puliti per testare.

Che ne dici di provare la limonata o la coca cola, l’addolcitore d’acqua in polvere, il succo di mela, le compresse di medicinali tritate? Ragazzi, se volete sperimentare con i prodotti chimici per la pulizia, assicuratevi di avere un adulto che vi aiuti!

Ora prova a prendere due bicchieri o barattoli abbinati e metti una piccola quantità di indicatore del succo di cavolo in ciascuno di essi. Prendi una cannuccia e soffia le bolle (delicatamente!) attraverso il liquido in una delle tue tazze. Continua a soffiare per due o tre minuti. Cosa sta succedendo ? Vedi un cambiamento di colore? Cosa pensi che significhi?

Leggi anche: Saliva acida cosa fare per renderla alcalina?

Strisce reattive per il pH

Prepara delle strisce reattive per il pH fatte in casa

  • Se stai spremendo il cavolo con meno acqua possibile, per concentrare davvero il succo, puoi provare a immergere un filtro da caffè nel succo di cavolo.
  • Asciuga la carta viola in un luogo caldo, quindi tagliala a strisce.
  • Puoi utilizzare queste strisce reattive di carta per testare i comuni prodotti chimici domestici: cambieranno colore proprio come le soluzioni.

Leggi anche: Importanza dell’equilibrio acido-base per la salute

Leave a Reply

Your email address will not be published.